Cimitero Oropa


Il cimitero di Oropa

/*Oropa's Cemetery*/  
cimitero funeraria «Le mie velleità artistiche chissà perché si esplicano nell'arte funeraria del cimitero. Funeraria o cimiteriale? Liberty o neoclassica o Romantica?»
 

Last modified: Feb 28, 1997
Location: http://paris6969.altervista.org
Feedback: paris6969@altervista.org

Tutti i contenuti di paris6969.altervista.org sono proprietà dell'autore paris6969@altervista.org e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali relative ai diritti d'autore (copyright). Non possono essere utilizzati in tutto o in parte.

Arte funeraria

Andar al cimitero, avrete capito, mi permettera' di accompagnarvi per mano tra le piu' belle espressioni di arte funeraria di Paris/6969. Cerchero' di abbandonare in questo angolino lo spirito dissacrante che mi anima e che a volte traspare da queste pagine.
Per iniziare vi suggerisco di rinfrescare le vostre reminescenze scolastiche invitandovi alla lettura delle parole che fino ad ora ho trovato piu' illuminanti sull'argomento... Se avete trovato di meglio comunque suggeritemene altre...
Cominciamo da O., praticamente qui, vicino a Qui... avete presente il Piemonte... l'Italia... l'Europa... Come vi ho gia' spiegato l'incontro casuale e inaspettato con le emozioni produce gli incontri tra i piu' indimenticabili.
Era estate. Era appena finito un temporale... o meglio, si era momentaneamente placato, borbottnado ancora in pianura. Ero in giro per quelle montagne a farmi i fatti miei quando mi accorsi del fascino sprigionato da quelle curiose costruzioni il cui materiale costituente era bagnato e illuminato da quell'atmosfera plumbea e instabile.
Si capiva benissimo che era un cimitero. Anche senza considerare l'insistente tematica funeraria. Ma a dispetto delle ragguardevoli dimensioni delle mura e dell'estensione in superfice dimostrava un percepibile pudore. La sua espensione copriva lo spiazzo piatto e leggermente in salita di una grande radura, ma prestando attenzione si intuiva che nascosta nella pineta, oltre le ultima cappelle doveva essercene ancora una notevole porzione. Eppure dalla strada si riusciva a vedere ben poco. Una grande scalinata celava allo sguardo del passante frettoloso la parte piu' pietosa, quella dove si possono incontrare i visitatori degli "ospiti".
Parliamo degli ospiti: insegnanti industriali, farmacisti, banchieri, suore, preti... tutti rappresentati dai loro epitaffi, parole toccanti, rivolte all'eternita'. Io mi aggiro per il cimitero e le leggo tutte, il bronzo, marmo, cemento.
overview
croce
angelo
lapide
tomba
scritte
Fermai la macchina ...
FINE