Visualizzazione post con etichetta Incidente. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Incidente. Mostra tutti i post

Incidente Ghiaccio


Incidente sul ghiaccio

/*Ice accidents*/  
incidente ghiaccio «Parallelogrammi in montagna. Pensateci bene. Di cosa si tratta? Pensate alle mele. Pensate alle donne. Incidente sul ghiaccio
 

Last modified: 6 Feb, 2000 (Created: 26 Dec, 1999)
Location: http://paris6969.altervista.org
Feedback: paris6969@altervista.org

Tutti i contenuti di paris6969.altervista.org sono proprietà dell'autore paris6969@altervista.org e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali relative ai diritti d'autore (copyright). Non possono essere utilizzati in tutto o in parte.

Parallelogramma di forze

Sono stato vittima me stesso di quella stessa forma di sfiga che parte dall'alto e va verso il basso. Si tratta della forza di gravità... La forza di gravità più di una volta. La gravità è stata causa molteplice della mia disgrazia. Vediamo come. Applichiamo il principio di inerzia alla mia mela verde posta su una discesa in una mattina in cui abbia iniziato a nevicare. Poniamo che la mia macchina fosse ferma. Allora la velocità era nulla. Allora verifichiamo la risultante delle forze applicate e riportate al baricentro. Oddio! La risultante è non nulla. Oddio due volte la risultante pone in moto la macchina... era già in moto, infatti l'impianto di iniezione non mi ha mai dato problemi, ma intendevo dire che è messa in moto come si mettono in moto i corpi. Senza casco. Ma non vorrei confondervi con sta storia del moto e del cadere. Volevo in pratica dire che sono finito fuori strada. Cioè fuori dalla strada perché fuori in strada c'ero già, e faceva anche freddo.
Aspetti positivi: la mia assicurazione copre il recupero dell'auto. Aspetto negativo: il carro attrezzi non riesce a salire causa, guarda caso, neve. Aspetto positivo: la mia ditta mi paga una kasko. Aspetto negativo: c'é una franchigia. Aspetto forse che sgeli per rimettere la mia macchina in carreggiata? Trovo un trattore con due conducenti dall'aspetto poco raccomandabile. Nooo, non voglio dire losco. Solo che sembravano due animali. Mica piccoli. Direi figli del loro trattore, così che il lavoro viene svolto tutto in famiglia. Vi ho detto che ero in montagna? Dovreste averlo evinto ormai dallo schizzo e del mio parlare di parallelogramma di forze con componenti oblique no?
'Non ce la fai!' 'Si che ce la faccio!' 'No, non ce la fai!!!' 'Siii'. Sono ormai fermi lì vicino a me e il trattore riposa del percorso in salita che li ha portati dal paese a me. I motore ronfa regolare al minimo ma i due animali continuano ad urlare con poca grazia. Ma sono tanto gentili. Tantissimo. 100 000 lire in pratica. Agganciano la povera mela dal didietro. Cosa indecorosa. Ricordo io all'ospedale come mi sentivo umiliato quando dovevo offrire le terga per le pratiche routinarie... Povera mela!!! 'Non ce la faiiii!!!' 'Siii!!!'. Il trattore slitta anche lui. Fosse stata una barca avrei detto 'scarrocciava'. Nel suo traslare stava si estraendo la macchina dal posto scomodo, ma si stava anche avvicinando col fianco all'albero che con tanta perizia ero riuscito ad evitare. 'Non sono rimborsati danni derivanti da traino' era scritto a parole infuocate (ma piccoleee) sulla polizza. 'Noooo, fermi, fermi!!! L'alberoooo'. Le mie urla disperate erano coperte dal trattore che ora sbuffava erogando la sua micidiale coppia a circa 1000 giri al minuto. Afferrai con forza e tutto il mio peso il cavo di traino rigido dalla tensione e lo tirai verso di me puntando i piedi. E scivolando più volte. Ma la fiancata era salva. La zampina no. La giornata no. Gli impegni per il domani incerti. La mattina dopo la neve era scomparsa, tutta disciolta in una notte a dir poco primaverile.
FINE