Visualizzazione post con etichetta Gita. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Gita. Mostra tutti i post

Gita Bath

Gita a Bath

/*Return from Bath*/

Last modified: 21 Nov, 1999 (Created: 26 Aug, 1999)
Location: http://paris6969.altervista.org
Feedback: paris6969@altervista.org

Tutti i contenuti di paris6969.altervista.org sono proprietà dell'autore paris6969@altervista.org e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali relative ai diritti d'autore (copyright). Non possono essere utilizzati in tutto o in parte.

terme

Al mattino

Pare incredibile come a Bath praticamente non ci siano italiani. Eppure oggi ho incontrato l'inglese piu' stronzo. Domenica mattina, alle 7.15 in metropolitana si trascinavano quei tipi che al mattino non hanno nulla da fare e quindi lo passono dedicare a forse dormire. 'Non guardare quella ragazza' don't look at that girl, o qualcosa del genere. Per quanto incomprensibili la maggior parte delle altre parole mi sono limitao a mostrare il petto e a ribatter 'what do you want?'.Eppure sul momento gli avrei rotto volentieri il culo a quel drogato di merda.

Al ritorno

Mi accorgo che stiamo percorrendo il Tamigi. C'e' qualcosa di invernale in quel buio. La strada umida, le persone in strada con le giacche lunghe oppure le vetrine illuminatissime. Qualche albero poi e' piena di lucine, a catena o sparse, proprio come addobbi natalizi. E poi la temperatura si e' raffreddata in una settimana di dieci gradi e li sul 'coach' ho dovuto indossare la giacca impermeabile sulla camicia a pelle. Non si e' rivelata poi tanto impermeabile visto che al Regent's sono infradicito. Da qualla volta li' non ho piu' smesso di portarmi appresso l'ombrello, non risolvendo quindi il problema delle scarpe di tela torinesi che non e' facilmente risolvibile senza che ne compri altre... non so se mi spiego. Dopo una decina di minuti che abbiamo superato Earl's Court siamo, come stavo per dirvi, sul Chelsea Embankment. Il Tamigi attraversa sinuoso la citta', come fanno i grandi e stanchi fiumi nelle pianure in prossimita' dell'estuario. Percorriamo quindi una delle grandi anse ed appare un'enorme luce.
Se avete visto Apocalypse Now sapete come possono essere illuminati i ponti. Prima ancora del ponte e' l'acqua, sebbene solo come conseguenza illuminata, che e' luminosa di un bianco puro. Centinaia di metri lungo il fiume e per tutta la sua larghezza la superficie emette una luce che illumina tutti i palazzi del lungo fiume. La sottile linea nera delle campate separa il liquido fluorescente da una stretta striscia opalescente molto intensa. E poi ancora emettono luce i triangoli dei grossi tiranti al disopra.
Il pulman si e' ammutolito. I suoi passeggeri intendo. Osserviamo quello spettacolo defilarsi via, ruotandogli di fronte in un balletto coreografico in cui la fuga prospettica varia con una velocita' variabile col coseno dell'angolo tra l'asse del ponte e la nostra posizione relativa.

E' una gita che ne vale la pena... i ponti sono dal Battersea Bridge al Chelsea Bridge.
Crescent
FINE

Gita Dover


Racconti e Formaggino da splamare

/*Canterbury e Dover*/

Last modified: 19 Sep, 1999 (Created: 26 Aug, 1999)
Location: http://paris6969.altervista.org
Feedback: paris6969@altervista.org

Tutti i contenuti di paris6969.altervista.org sono proprietà dell'autore paris6969@altervista.org e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali relative ai diritti d'autore (copyright). Non possono essere utilizzati in tutto o in parte.

Canterbury

canterbury Ah! Si, si, proprio una bella citta' sta Canterbury. Via, via, altro biglietto. La National Express viene ancora in mio soccorso con la sua prezzolata disponibilita'. Qui di bello c'e' solo (forse) la cattedrale. Forse dico forse, perche' 2 £ per entrare... ma che dico entrare: avvicinare! Non gliele ho date. E poi non e' neanche grande. Un po' come Westminster... che in confronto alla Casa del Parlamento e' proprio null'altro che una sua depandance... o garcionniere del re...

Dover

Dover. Emozionante. Fino alle lacrime. In lontananza, dietro gli enormi traghetti si vede il Continente. E le prime case... cosi' finalmente diverse da quanto visto fino ad allora in inghilterra... Ovviamente mi aspetto entrando citta' che mi freghino anche qui... ma e' quasi giustificato...
La cittadina e' sovrastata dal castello. Mi ci sono avvicinato lungo il sentiero pedonale fino a quando accanto ad una sbarra mi hanno detto il prezzo per l'ingresso: 7 £! E' incredibile, non si trova un punto rialzato con vista sulla manica gratuito. Proseguo la strada lungo la recizione e la fitta vegetazione. Inizio a guardarmi attorno e vedo solo alberi. Infine mi inoltro nel bosco finalmente appena finisce la recinzione dell'onnipresente castello. Seguo il cartello per il Blierot Memorial. Poverino, gli hanno dedicato proprio poco. Lui ha fatto per la prima volta la trasvolata della manica. E per questo si trova ora una piccola targa in un bosco lontano mezz'ora dal paese. Mah! Mi inoltro ancora di piu' nel sentiero e supero una Mini Minor incendiata e arrivo all'autostrada che scende al porto. Ed ecco lo spettacolo.
La veloce strada in discesa fa un'ampia curva lungo cui peraltro e' vieteto l'accesso ai pedestrian. Non so se la velocita' e la discesa hanno mai provocato qualcosa di tragico... certo e' che c'e' un guard rail imponente dotato di ammortizzatori, e al termine della curva c'e' una corsia intera piena di argilla espansa probabilmente per far arenare anche i mezzi piu' pesanti che abbiano perso il controllo.
Percorro il lungo mare. Si tratta pero' di un tratto chiuso all'interno delle barriere del porto... e' quindi ancora mare? Qui in pompa magna trovo addirittura la statua di colui che per primo fece andata e ritorno sulla manica... poi la statua di un minatore, un cartello estratto da un bunker tedesco con sopra i colpi andati a segno tirando dall'altra sponda con enormi cannoni, e altri riferimenti a grandi e piccole storie.
dover

Sparse e Perse

Margaret's Cliffs (persa)
Pare un posto romanticissimo: scogliere sferzate dal vento del mare, ma nel verde del Kent.
White Cliffs Experience (persa)
Un piccolo museo orvviemente a pagamento che ovviamente ho saltato a pie' pari.
Bluewater (sparsa)
Immenso, megagalattico centro commerciale perfettamente collegato con Londra collocato in un luogo disperso.
Rochester (citta sul fiume spersa e persa)
Vista dall'autostrada e' una cittadina molto pittoresca, ma con un grande porto fluviale. Cosa vorrei visitare di piu'?
FINE

Gita Londra


Gita a Londra

/*Where I'll send you?*/

Last modified: 10 Dec, 1999 (Created: 26 Aug, 1999)
Location: http://paris6969.altervista.org
Feedback: paris6969@altervista.org

Tutti i contenuti di paris6969.altervista.org sono proprietà dell'autore paris6969@altervista.org e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali relative ai diritti d'autore (copyright). Non possono essere utilizzati in tutto o in parte.

Non mi dilungo molto apposta perche' non voglio riportarvi cio' che trovereste su una guida turistica (qualsiasi?).
  • Little Venice (PADDIGTON)
    Un canale artificiale attraversa londra a nord della zona 1 per gettarsi nel Tamigi. In questo tratto le caratteristiche imbarcazioni stazionano lungo gli argini.
  • Speaker Corner (HYDE PARK)
    Angolo dell'enorme parco, in cui la domenica chiunque puo' parlare ad alta voce sopraelevandosi dal terreno.
  • Camden High Street Market (on Saturday) (CAMDEN TOWNo in sua prossimita' al limite della zona 1)
    Un caratteristico quartiere con il piu' economico mercatino di oggetti usati di Londra.
  • Petticoat Lane Market (on Sunday) (LIVERPOOL STREET)
    Mercato molto grande di roba nuova. Ricca di imbonitori di buona qualita'.
  • Bunnhill Fields Cemetery (LIVERPOOL STREET)
    Pare ce ne sia di piu' belli in zone piu' periferiche. Questo in effetti e' piccolo. Ma senza un cimitero non so stare.
  • British Museum (TOTTENHAM)
    Enorme museo ricco di storia e di curiosita'. Aggratis.
  • National Gallery (CHARING CROSS)
    Galleria di quadri di ogni epoca e nazionalita'.
  • Trafalgar Square (CHARING CROSS)
    Enorme galleria in centrissimo. Ingresso libero.
  • Big Ben One e Two (WESTMINSTER)
    Visita indispensabile al parlamento e all'abbazia e al ponte.
  • Piccadilly Circus (PICCADILLY CIRCUS)
    Meglio di sera in un percorso a cui dedico un capitolo a parte.
  • Oxford Street (OXFORD CIRCUS)
    Strada degli acquisti, anche se grandi affari non se ne fanno.
  • Tate Gallery (PIMLICO)
    Galleria di quadri sopratutto inglesi e di arte contemporanea.
  • Battersea Powerstation One e Two (PIMLICO)
    Celebre ex centrale elettrica immortalata dall'album 'Pigs'. Dello stesso autore delle cabine telefoniche rosse della BT.
  • Tower Bridge (TOWER BRIDGE)
    Una commovente vista d'insieme di cio' che e' piu' significativo nella citta.
  • Royal Exchange (BANK)
    Dalle 17 alle 18 si va fuori dai coglioni.

Info importanti

/*Important info*/ Cosa meglio puo' dimostrarvi che ho vissuto in quella citta' se non il mostrarvi gli attrezzi di lavoro di un turista a londra... I mezzi! Sotto e Sopraterra!!!!! ...e Fiume ma e' meno importante...
E non dimenticate:
  • Change near Amex (VICTORIA STATION)
  • Internet near Amex (VICTORIA STATION)
FINE