Visualizzazione post con etichetta Sogno. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Sogno. Mostra tutti i post

Sogno Acquario


Il sogno dell'acquario

/*The aquarium dream*/  
sogno acquario «All'universita' avvengono in sogno strane cose. Nella biblioteca di ingegneria s'aggirano spettri nell'acquario che si manifestano nelle menti studenti.»
 

Last modified: Aug 23, 1997 (Created: Aug 23, 1997)
Location: http://paris6969.altervista.org
Feedback: paris6969@altervista.org

Tutti i contenuti di paris6969.altervista.org sono proprietà dell'autore paris6969@altervista.org e sono protetti dalle leggi italiane ed internazionali relative ai diritti d'autore (copyright). Non possono essere utilizzati in tutto o in parte.

L'acquario in sogno

Entri in biblioteca, le luci sono spente. Rimani sconcertato trovandola vuota, ma colto da un insolito estro contemplativo rimani silenzioso ad osservare quel tempio dello studio e delle attività intellettuali spettralmente inoperoso. Per sentire più simbiotico il rapporto con essa, fai pochi passi in avanti e chiudi la porta alle tue spalle con la cautela e il rispetto che si usa in una basilica il giorno della sua consacrazione.
La mistica congiunzione con la biblioteca è prossima, e tu senti il bisogno di sederti. Grazie al progressivo adattamento del tuo occhio, discerni nelle discreta penombra creata dalla carezzevole luce lunare proveniente dai finestroni una sedia; ti appropinqui ad essa. Senza spostarla vi giri attorno e con accortezza ti adagi senza farla cigolare.
Il tuo animo, sollevato dall'incombenza di mantenere la stazione eretta è violentemente proiettato in una remota dimensione Nirvanica.
/*You enter in the library, the lights are extinguished. You are puzzled finding it empty, but gathered by an unusual contemplative fancy you remain to observe that temple silent of the study and of the intellectual activities inactive spectrally. To feel more symbiotic the relationship with it, makes few footsteps into and you close the door to your shoulders with the caution and the respect that it is used in a basilica the day of his consecration.
The mysticism conjunction with the library is next, and you feel the need to take a seat. Thanks to the progressive adaptation of your eye, you discern in the discreet faint light created by the caressing lunar light deriving from the large windows a chair; you approach to it. Without moving you turn around to it and with adroitness you abandon without letting squeak it.
Your mind, lifted by the duty to maintain the erect station it is violently projected in a remote nirvanic dimension. */

Quanto tempo è passato? Un giorno? Un ora? Un minuto o un secondo? Sono rumori, sospiri, o addirittura delle imprecazioni che ti riportano pesantemente a terra? La sensazione della forza di gravità ti appare sgradevole, e non riesci a capacitarti di aver sempre convissuto con essa. Ma la curiosità per ciò che ti ha procurato tanto turbamento ti aiuta a passare tale sconcerto.
/*How long has it passed? One day? One hour? One minute or a second? Are they noises, sighs, or straight of the curses that bring you heavily to earth? The feeling of the strength of gravity appears you unpleasant, and you don't succeed in persuading you to have always cohabited with it. But the curiosity for what so much disturbance has gotten to you it helps to pass such disconcertment. */
Effettui la scansione sistematica dei tuoi sensi alla ricerca della presenza umana tanto inopportuna.
/*You effect the systematic scanning of your senses so much to the search of the inopportune human presence. */
È lì, sul principio solo un'ombra in convulso movimento, poi cominci a renderti conto della sua posizione, del suo volume, del suo calore... Il processo gnoseologico è completato a fatica.
/*It's there, on the alone principle a shade in convulsive movement, starts then to make I count you of his position, of his volume, of his heat... The trial gnoseologic is completed to work. */
Essendo tu di ritorno da una esperienza 'pura', riesci ad analizzare in completa oggettività cosa si è rivelato dalla dipanazione dell'oscurità obnubilatrice dell'ottenebrazione degli stati percettivi.
/*Being you of return from a pure experience, succeed to analyzing in complete objectivity thing he has revealed from the unravel of the obscurity obnubilant of the obtenebration of the perceptive states. */
Un nudo corpo femminile, lascia la sua impronta sulla vetrata di fronte a te. Sebbene l'immagine a te regalata sia completa, madide di sudore risultano sottolineate le elastiche forme contenute da un'epidermide di rara perfezione per consistenza e pigmentazione che con regolarità si schiacciano contro la parete dell''acquario'. La forte variazione di colore dei seni, a seguito della compressione di una invisibile forza proveniente alle sue spalle, ti rende conto di quanto debbano essere sodi e di forma esuberante. Ti rendi conto che l'impressione del calore emanato è reso dall'alone di condensa che ogni volta si forma sull'impronta che il seno abbandonando la fredda superficie del cristallo lascia, contraddetto subitamente dal suo impetuoso ritorno. Un piccolo, duro e grazioso capezzolo traccia il suo moto rigando sgarbato le minute goccioline, e la sua ombra bruna prolunga l'irresistibile e diafana immagine della superba oscillazione delle dolci rotondità, confermando l'eccezionale consistenza delle suddette. Il viso della ragazza, distorto da convulsioni ferine, ora appare, ora scompare dietro la nuvola di vapore prodotto dalla sincopata respirazione, con la stessa meccanica con cui si potevano osservare tutti i dettagli all'altezza del petto. Eppure il vigore degli atti respiratori, denotano ora lo sforzo fisico di resistere alla misteriosa furia che le si origina da dietro, ed ora invece sembra diretto a fiaccare coscientemente la resistenza delle sue verginee inibizioni. Mentre le morbide guance ricordano le esperienze sensitive ricavate dai seni, il sangue copiosamente effluente da un grazioso nasino rivolto all'insù affida al separé la narrazione concreta di tali solenni accadimenti, come la penna di un erudito assolve al medesimo compito sulla austera pergamena ma con l'aridità del gesto intellettuale.
/*A naked female body, leaves his imprint on the glass door in front of you. Although the image to you given as a present is complete, moist of sweat they result you underline the elastic forms contained by an epidermis of rare perfection for consistence and pigmentation that with regularity they are crushed against the wall of the 'acquarium.' The strong variation of color of the breasts, following the compression of an invisible deriving strength to his shoulders, account makes you than has to be firm and of exuberant form. You return account that the impression of the emanated heat to yourself it has made from the halo of it condenses that every time is formed on the imprint that the breast abandoning the cold surface of the crystal leaves, contradicted immediately from his impetuous return. A small, hard and attractive nipple traces his motion ruling impolite the drafts drip of it, and his brown shade prolongs the irresistible and diaphanous image of the superb oscillation of the sweet roundness confirming the exceptional consistence of the aforesaid. The girl's face, distorted by feral convulsions, it now appears, it now disappears behind the cloud of vapor produced by the syncopated respiraton, with the same mechanics with which all the details could be observed to the height of the breast. Yet the vigor of the respiratory actions, denotes I now force it physical of to withstand the mysterious fury that is originated them from behind, and instead it seems now direct to weaken the resistance of her verginial consciously inhibitions. While the soft cheeks are remembering the sensitive experiences drawn by the breasts, the blood plentifully fluenting from an attractive turned nose upward entrusts the concrete narration of such solemn event as the pen to the separé of an erudite it absolves to the same assignment on the austere parchment but with the aridity of the intellectual gesture.*/
Rimani lì a lungo, senti sulle tue membra la fatica che da molto tempo dovrebbe sentirsi su quelle di lei. Infatti i suoi movimenti sono ora aritmici, e il respiro sconnesso. Compaiono ora le mani vanamente occupate a cercar di contrastare scaricandola sulla vetrata la spinta retrostante ancora di incerta natura. Sempre cedono con forti tonfi dei gomiti, o di sporgenze tumefatte del viso, e sempre ricompaiono scivolanti sulla torbida superficie ormai bagnata dal sudore descrivendo ampi disegni di petali floreali.
/*You remain for a long time there, you feel on your limbs the work that would have had to feel of her on those for a long time. In fact her movements are arythmic and the disconnected breath now. The busy hands appear vainly now to trying to oppose still unloading her on the glass door the lying force of uncertain nature. They always surrender with strong thuds of the elbows, or of prominences swollen of the face, and sliping always reappear on the turbid surface by now bathed by the sweat describing ample sketches of floral petals.*/
Ormai esausta la ragazza raccoglie invano con la lunga e frenetica lingua quanto più liquido riesce dalla condensa sul vetro. Colpi di secca tosse denotano l'inutilità del gesto. Forse a causa di tali sussulti dischiude gli occhi, e dopo un poco di tempo in cui connettere i pensieri si accorge della tua insospettata presenza.
/*By now exhausted the girl picks up in vain with the long and frantic language how much more liquid succeeds from it condenses on the glass. Hits of shoal cough they denote the uselessness of the gesture. Perhaps because of such winces it discloses the eyes, and after some time in which connecting the thoughts it is realized your unsuspected presence.*/
Il viso seppur arrossato dal sudore e dalle ferite appare ora cianotico, denotante soffocamento incipiente. Infatti un violento conato le provoca un sussulto tale della fronte che l'impatto che ne deriva con la tramezza ne provoca la fragorosa distruzione. Un secondo e liberatorio conato provoca un'ondata Tzunami di vomito che ti investe con triste precisione...
/*The face even though reddened from the sweat and from the wounds cyanotic now appears, showing incipient choking. In fact a violent effort a such wince of the front provokes her that the impact that derives with the insole of it provokes the roaring destruction of it. A second and freeling effort provokes a billow Tzunami of vomit that invests you with sad precision... */
FINE